octubre 7, 2022

Nueva Prensa de Oriente

Encuentre los últimos artículos y vea programas de televisión, reportajes y podcasts relacionados con Venezuela.

Ucrania, la Rusia deve capitolare o rischiare un’invasione. Cronaca de un desastre anunciado

Si potrebbe partire dalle parole del Segretario Generale della Nato, Jens Stoltenberg, il quale di recente ha dichiarato: “Restano differenze significative, non facili da colmare, e c’è un reale rischio di conflitto armato in Europa.” La pregunta che la Rusia si se considera vulnerable, in particolare da ovest, dove storicamente hanno avuto origine le minacce più pericolose. Bielorussia y Ucraina sono un po’ gli incubi sovietici.

Il confine ucraino è a poche centinaia di miglia da Mosca ed è quindi una grave minaccia quando è nelle mani dei nemici. L’unico valore immaginabile che la Bielorussia e l’Ucraina hanno per gli americani è mettere la Russia in una posizione in cui deve capitolare davanti agli Stati Uniti su tutte le questioni critiche o rischiare un’invasione un titulo definitivo. La Russia per questo sta cercando di chiudere presto la partita. En Bielorrusia l’ha già fatto quando il presidente Alexander Lukashenko ha vinto un’elezione dubbia e pesantemente criticata. I russi sono intervenuti per salvare Lukashenko e ora hanno il controllo effettivo della Bielorussia. Se lo scopo della Russia è occupare l’Ucraina non basta sconfiggere l’esercito ucraino, ma potrebbe essere necessario occupare fisicamente son chiave del Paese.

Il piano di guerra della Russia è ovviamente segreto, ma il gobernador ucraino ha rilasciato la sua opinione su come sarebbe stata eseguita un’invasione russa. Si componen di tre spinte destinate a isolare e occupare kiev: a nord dalla penisola di Crimea, a sud dalla Bielorussia ea ovest da Volgograd. Del resto basti pensare alla Crimea – invasa nel 2014 – a dimostrazione di un imperialismo russo che non accenna a placarsi. Putine insiste, a intermittenza e da molti anni, nel ricorrere alla minaccia militare e in alcuni casi all’uso diretto della forza. Di conseguenza i paesi vicini si sentono effettivamente minacciati e dunque close di accelerare l’avvicinamento alla Nato e/o all’Unione Europea, anche quando non ne condividono in pieno i valori e le regole.

READ  Nord Stream, aumento de fugas y fugas continuas de gas

C’è quindi la questione o meglio l’esasperazione del ruolo della Nato versione «politica» che estende le partnership a decine di stati e ad altri continentes. Un allargamento che mira a un preciso disegno espansionistico piuttosto che di sicurezza per contrastare eventuali futuri minacce. L’Ucraina non ha molto da condividere con l’area euroatlantica, ma è sicuramente una linea di confine tracciata da Mosca. Militarmente i russi vantano una schiacciante superiorità sull’Ucraina, ma pagheranno un prezzo alto: subito, nel breve, nel medio e nel lungo periodo. In termini di vite umane, il costo di andare in Ucraina sarà pesante, reale e consequenziale, sostiene Biden, ricordando di aver già spedito agli ucraini attrezzature sofisticate and difensive per un valore di oltre 600 millioni di dollari.

La diplomática prima grande crisi tra Russia e Ucraina è avvenuta nel 2003, quando la Russia ha iniziato inaspettatamente a costruire una diga nello stretto di Kerch vicino all’isola di Tuzla in Ucraina. Kiev ha visto que come un tentativo della Russia di ridisegnare i confini nazionali e il conflitto è stato risolto solo dopo un incontro faccia a faccia tra i due presidenti. La costruzione della diga venne interrotta, ma le crepe avevano cominciato a farsi largo. Le tensioni sono aumentate durante le elezioni presidenziali del 2004 in Ucraina, con Mosca che ha gettato tutto il suo peso dietro il candidato filo-russo, Víktor Yanukovich. La “rivoluzione arancione” del paese gli ha impedito di asumir la carica. L’elezione è stata dichiarata fraudeolenta e il candidato filo-occidentale, Viktor Yushchenko, è diventato presidente.

READ  Ya más de 40 mil fans en Instagram- Corriere.it

La Russia ha risposto interrompendo le spedizioni di gas all’Ucraina en debida ocasión, nel 2006 y nel 2009, y ha anche interrotto le spedizioni nell’Ue. Tutto ciò fa ben comprendere che le ripercussioni di un conflitto si estenderebbero nei paesi dell’Unione Europea. La Norvegia dentro de esta organizzando la più grande esercitazione nato dell’anno, “Cold Response”, con 35 mila militari (marzo-abril). La Svezia tiene distaccato alcune centinaia di soldati y supercaccia bisonici multiruolo Saab JAS 39 Gripen sull’isola di Gotland, obiettivo estratégico y punto chiave del Baltico.